Rete civica del Comune di Firenze
Indice A-Z
testata per stampa

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

  Home » Servizi sociali » Famiglia e minori» Percorso mamma segreta
testo piccolo testo medio testo grande Stampa la pagina RSS Twitter Facebook

Percorso "MAMMA SEGRETA"

Se stai vivendo una gravidanza in solitudine e con difficoltà sociali e psicologiche puoi ricevere aiuto e assistenza.
Puoi anche ricevere sostegno e accompagnamento nella scelta di riconoscere o meno il bambino al momento del parto.
Secondo la legge italiana puoi partorire nell’anonimato e decidere di non riconoscere il bambino, che ha diritto a crescere in una famiglia adottiva.
Dopo il parto hai 10 giorni per scegliere se riconoscere il bambino o lasciarlo in ospedale, dichiarando di non voler essere nominata. Se hai bisogno di più tempo, puoi chiedere di sospendere la decisione per 60 giorni.

Il percorso "Mamma segreta" ti offre informazioni, sostegno, accoglienza e accompagnamento durante tutta la gravidanza, prima durante e dopo il parto. È gratuito e rivolto a tutte le donne italiane, straniere, residenti, non residenti, clandestine, nubili, coniugate, senza limiti di età, in qualsiasi situazione sociale e familiare.

Puoi rivolgerti in maniera anonima e gratuita per telefono, mail o di persona a:

Comune di Firenze - Servizio Famiglia e accoglienza - via Palazzuolo n. 12 - Firenze
dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 14.00 e il martedì e il giovedì dalle 14.30 alle 17.30
tel. 055 261 6435 / 6433

e-mail: mamma.segreta@comune.fi.it 

È preferibile rivolgersi al servizio durante la gravidanza, prima del parto. 
L’aiuto e l’assistenza a te e al bambino sono comunque garantiti anche durante e dopo il parto.

    Indirizzi utili

    Link

     
    twitterfacebookyoutube

    città di firenze
    Comune di Firenze
    Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
    50122 FIRENZE
    P.IVA 01307110484

    Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006