Rete civica del Comune di Firenze
Indice A-Z
testata per stampa

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

  Home » Cimiteri » Cimiteri comunali» Settignano
testo piccolo testo medio testo grande Stampa la pagina RSS Twitter Facebook

Cimitero di Settignano

via D. da Settignano

Il cimitero di Settignano venne costruito nel 1855, a seguito delle riforme sanitarie fiorentine che prevedevano la chiusura dei camposanti parrocchiali posti all’interno del centro abitato.
L’accesso al cimitero è possibile attraverso una strada di campagna. Da camposanto a sterro si è trasformato, a partire dagli ultimi decenni dell’Ottocento, in un piccolo cimitero monumentale; la sua struttura originaria prevedeva infatti un recinto rettangolare con colombari e sepolture a sterro e un edificio centrale adibito alla duplice funzione di chiesa per le celebrazioni (nella parte inferiore) e di stanza del custode (primo piano).
Successivamente proprio questo ambiente è stato destinato anche alla sepoltura di personaggi illustri, tra cui Niccolò Tommaseo e Aldo Palazzeschi.
Tra i cimiteri periferici di Firenze, questo è tra i più ricchi di opere d’arte. La zona monumentale si sviluppa nella sezione principale e vede l’alternarsi di cappelle gentilizie a monumenti funerari realizzati da importanti scultori fiorentini.
Il camposanto negli ultimi decenni è stato ampliato per far fronte alle nuove esigenze della comunità.

Avvisi

Attenzione: lavori di manutenzione - Ossarini Sezione "B"

Avvisi Esumazioni

Disposizioni inerenti le esumazioni

Esumazioni Anno 2017

Esumazioni Anno 2018

    Avvisi Estumulazioni

    Avviso alla cittadinanza

    Elenco scadenze concessioni colombari - Anno 2017

       
      twitterfacebookyoutube

      città di firenze
      Comune di Firenze
      Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
      50122 FIRENZE
      P.IVA 01307110484

      Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006