Rete civica del Comune di Firenze
Indice A-Z
testata per stampa

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

  Home » Cimiteri » Cimiteri comunali» Porte Sante - San Miniato al Monte
testo piccolo testo medio testo grande Stampa la pagina RSS Twitter Facebook

Cimitero delle Porte Sante - San Miniato al Monte

Il cimitero monumentale di Firenze, detto delle Porte Sante, è posto sul colle di San Miniato al Monte.
La stretta relazione con la basilica romanica ha determinato fin dai primi anni della sua istituzione un carattere privilegiato.

Nel 1854 il cimitero, racchiuso tra le mura rinascimentali, consisteva solo in un appezzamento di terreno fino ad allora utilizzato dall’Opera Pia dei Ritiri Spirituali per seppellire i propri fratelli; in seguito – grazie all’operato di diversi architetti fiorentini, quali Niccola Matas, Mariano Falcini, Tito Bellini ed Enrico Dante Fantappié – si è giunti aal’odierno carattere monumentale.
In origine il cimitero era suddiviso in sepolture a sterro nella zona centrale e in cappelle e colombari lungo i bastioni. A partire dagli anni ’70 dell’Ottocento le lapidi furono arricchite da croci, vasi e statue. Inoltre, ampie zone di terreno furono adibite alla creazione di monumenti funebri e cappelle.

Visitare questo luogo non è solo un tuffo nella storia fiorentina, ma anche un piacevole viaggio nell’arte.
Tra i personaggi famosi ivi sepolti: Carlo Lorenzini (Collodi), Vasco Pratolini, Giovanni Papini e Libero Andreotti.

    Avvisi:

    Chiusura parziale causa opere di manutenzione

    Manutenzione ordinaria di monumenti funebri

     

      Avvisi Estumulazioni

      Avviso  scadenza concessione colombari

      Elenco scadenze concessioni colombari

         
        twitterfacebookyoutube

        città di firenze
        Comune di Firenze
        Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
        50122 FIRENZE
        P.IVA 01307110484

        Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006